La Storia

La Storia del Collegio
 
 
Il Collegio dei Periti Industriali delle Province di Milano e Lodi. 
 
Nel lontano 1930, presso il Tribunale di Milano, era già presente l'Albo professionale dei Periti Industriali in quanto negli anni '20 numerose Scuole Tecniche del Regno rilasciavano questo titolo.
 
R.D. 275 del 1929, la professione di Perito Industriale fu ufficializzata e regolamentata. Poco dopo, nel 1931, veniva nominata la prima Commissione per la tenuta dell'Albo dei Periti Industriali delle province della Lombardia.
 
Il primo Albo vide la luce nell'aprile del 1932 e contava 213 nominativi, dei quali ben 161 della sola provincia di Milano.
 
La quasi totalità erano Edili ma erano già presenti altre sette specializzazioni
 
L'Albo tenuto presso la sede di Milano crebbe sino a più settecento nominativi, quando le vicende belliche ne paralizzarono l'attività.
 
La ripresa si verificò nell'immediato dopoguerra quando, riunificato il Paese, anche al Nord entrò in vigore il Decreto Legislativo Luogotenenziale n. 382 del novembre 1944 che modificava le norme sul funzionamento degli Ordini e Collegi Professionali, organizzandoli col sistema elettivo democratico.
 
Il Collegio di Milano si riorganizzò raccogliendo l'adesione di poco meno di duecento Periti milanesi (quasi tutti edili) e il 28 novembre 1948 diede vita al Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Milano.
 
In tale circostanza fu nominato Presidente il Per.Ind. Giannino Rusconi.
 
Erano quelli gli anni della ricostruzione e la Categoria dei Periti Industriali fu presente massicciamente con le sue forze per la resurrezione della città e della Provincia uscite mutilate dall'immane conflitto.
 
Fernando Paganardi